Intervista SEO Enzo Mastrolonardo

per la rivista Wild Seo Magazine

2018

Settembre

Wild Seo Magazine è l’unica rivista cartacea che tratta di SEO e WebMarketing, esce ogni sei mesi e puoi riceverla GRATUITAMENTE per posta a Casa o in Ufficio. La rivista vanta contenuti sempre freschi ed interessanti riguardanti il mondo del Digital con particolare riguardo alla SEO, al Web Marketing e a tutto ciò che vi ruota intorno.

Abbonati oggi stesso, gratuitamente!

“Grazie alla SEO aiuto Professionisti e PMI ad essere visibili online, con particolare riguardo alla local search, nel territorio di Roma e dintorni”

Twittati di recente

L’attesa di un miglioramento, tra un intervento e l’altro durante i cali significativi di #posizionamento, è difficile da digerire ma a volte è necessaria. Anche saper aspettare è una qualità nella #SEO, l’organico è anche questo quando giochi secondo le regole di #Google

I robot ci ruberanno il lavoro o ci libereranno dal lavoro? #CondivideEtImpera https://t.co/UFTs3cKluN

#UX e raggiungimento dell'obiettivo REALE dell'utente sono stai messi ulteriormente al centro nella #SEO. Su #Google trovano sempre meno spazio le query informazionali se prive di concreti elementi transazionali #WebMarketing

Essere presenti nel web, per una #PMI, significa anche poter presidiare sulla propria reputazione e misurare il livello del proprio #brand oltre ad intercettare i nuovi #clienti. Se non hai ancora posizionato la tua #impresa #online lo fai consapevole di ciò: o ti evolvi o muori!

Load More...

Ringrazio l’amico e collega Stefano Schirru, CEO di IMG Solutions e responsabile del Progetto WildSeo, per avermi proposto questa intervista.
Wild Seo Magazine | L’unica rivista cartacea e gratuita che parla di SEO e WebMarketing

Cosa aspetti? Abbonati

Ciao Enzo, grazie per aver trovato il tempo di rispondere alle nostre curiosità! Perché non ne approfitti un po’ per spiegarci chi sei e cosa fai?

Innanzi tutto grazie a voi per avermi dato l’opportunità di parlare della SEO in un canale diverso dal solito. Dunque, sono romano amante della carbonara e dei videogames e questo basta ad identificarmi per un buon 80%. Nasco come informatico ma da circa 5 anni mi occupo di dare visibilità alle piccole aziende che offrono servizi nel panorama locale, attraverso il canale di ricerca online. Io vengo contattato principalmente per un motivo: l’impresa esordisce online per la prima volta, che si tratti di una startup o di una vecchia attività, che si è decisa finalmente ad andare online.

Cosa significa avere a che fare con le piccole aziende che operano a livello locale?

Le piccole aziende locali per me rappresentano il tessuto vivo dell’economia, pertanto ciò che mi preme di più è fare in modo che un progetto web, attraverso la SEO, diventi per loro non tanto un canale di visibilità fine a sé stesso ma un vero e proprio generatore di richieste, da pubblico interessato. La possibilità di lavorare con professionisti e piccole aziende generalmente mi mette nella condizione di operare al meglio delle mie possibilità, giacché questo tipo di imprenditore non è un responsabile addetto al reparto marketing (come invece può accadere in una grande azienda) ma è realmente la persona che maggiormente risente delle flessioni del suo settore, sta in prima linea e si sporca le mani tutti i giorni. Con alcune piccole realtà è stato quindi più semplice relazionarsi sullo stesso piano, poiché siamo entrambi professionisti, ciascuno con le proprie conoscenze e competenze e ci scegliamo a vicenda per lavorare insieme ad un fine comune: sfruttare la visibilità online per generare profitti.

Qual è il tuo approccio alla seo? Quali sono gli aspetti che davvero fanno la differenza se ci si vuole posizionare sui motori di ricerca?

Il mio approccio alla SEO è orientato nel voler dare attraverso una pagina web, una vera e propria SOLUZIONE al “pubblico tipo” (pubblico che spero di aver identificato bene in fase di analisi). Va detto però che ogni settore è soggetto alle proprie dinamiche e questo criterio è valido anche online, tuttavia dato che per me è importante lavorare sulle parole chiave che nascondono il reale bisogno di ricevere una soluzione, cerco quelle che ritengo possano intercettare l’utente quando è più conscio e disposto a mettere mano al portafoglio. Quindi, nel tentativo di posizionarmi su queste chiavi trovo fondamentale che la pagina web che dovrà posizionarsi debba offrire una reale soluzione a quella necessità e non concentrarsi a prescindere sul mantra “contenti s the king”. Intendiamoci, sono d’accordo sul fatto di curare i contenuti ma spesso molti ignorano che anche un bottone per telefonare, un form per prenotare appuntamenti, un chatbot… costituiscono un contenuto e in certi casi funzionano meglio di tante parole, specie quando l’obiettivo è convertire e soprattutto dare all’utente ciò che cerca senza fargli perdere tempo. Infatti, non ho inventato io la frase “avvicinati agli utenti e ti avvicinerai al motore di ricerca.”

Quali sono gli strumenti che reputi essere fondamentali per il tuo lavoro?

Uso i tools prevalentemente in fase di analisi, principalmente ritengo molto validi SeoZoom e SemRush per l’analisi dei domini e delle keyword, lo strumento di pianificazione di AdWords lo uso principalmente per le parole chiave e le metriche, Majestic per i backlinks e Screaming Frog per l’Audit. Utilizzo molto le funzioni sui browser, specialmente Chrome per la navigazione in incognito in modo da non falsare la SERP e gli strumenti per gli sviluppatori che mi danno dati preziosi per la velocità e l’usabilità, anche l’estensione LightHouse la trovo molto utile. Uso iSearch From, per avere una percezione più fedele possibile sulle ricerche geolocalizzate e NAP Hunter per scovare menzioni e citazioni dei competitor locali. Poi oh, il tool per me più impegnativo da usare resta sempre il cervello 🙂

Solo seo o web marketing a 360 gradi? Ossia, è ancora possibile pensare alla seo come ad un qualcosa a se stante dal web marketing?

Direi di no, anche se ci sono tipi di business dove la SEO è l’attività più indicata ed altri per i quali è praticamente inutile, se non in apporto ad altri canali. Ad ogni modo la SEO si è evoluta e credo ci siano oggi pochissime possibilità di pensare alla SEO come unica fonte di approvvigionamento per il successo di un progetto. Una buona politica è quella di diversificare le fonti di traffico per il proprio progetto, soprattutto perché non sappiamo come cambierà il mercato e le tendenze del pubblico, di conseguenza gli strumenti e i canali. Approfitto per una piccola riflessione: come  consulente SEO lavoro principalmente sull’organico, non mi occupo al momento di Advertising o Facebook Ads nello specifico, ciò non toglie che io escluda tali strumenti dai progetti che gestisco, semplicemente consiglio al cliente dei colleghi che possano valorizzare meglio di me un certo budget da investire in altre attività anziché bruciarlo sulla pelle del cliente, credo sia l’approccio migliore per un consulente che lavora online al giorno d’oggi ed approfitto per dare questo consiglio ad altri addetti ai lavori.

Si è spesso parlato della difficoltà, da parte dell’ente aziende, di riuscire a scegliere il consulente più adatto. Molti sono bravi a vendersi ma molto meno a lavorare ma per le aziende diventa difficoltoso riuscire a capirlo. Che consigli daresti? Cosa dovrebbe guardare un’azienda per valutare correttamente un consulente per la seo?

Ah, bella domanda! Il consiglio che mi sento di dare alle aziende è prima di tutto quello di stringere il cerchio sulla scelta del consulente SEO, ovvero un luogo comune che ritengo errato in tal senso, è che un SEO possa occuparsi di un qualunque tipo di progetto a prescindere dal settore di mercato. È possibile ma penso semplicemente che sia meglio affidarsi o concentrare le ricerche su un Consulente SEO in grado di valorizzare un progetto con la propria esperienza diretta in quel determinato settore (come ad esempio il Food, piuttosto che le Strutture Ricettive o gli eCommerce sulla tecnologia). Un altro consiglio è quello di chiedere dei casi studio reali, con dati effettivi e dimostrabili, che mostrino risultati nel medesimo campo. Il massimo sarebbe leggere delle recensioni positive del Consulente ma perché esse siano davvero attendibili verificare che ci siano i dati minimi che provino la veridicità del recensore (Nome, Cognome, Qualifica, Azienda, Link ad un profilo e Foto).

Adesso la domanda opposta…. Penso ai tanti ragazzi che vorrebbero fare questo lavoro. Secondo te qual è il modo migliore, per un freelance, per farsi conoscere e acquisire nuovi clienti?

WOW! Si fa difficile 🙂 Beh, ti parla uno al quale i lavori arrivano prevalentemente dal passaparola! Io ho iniziato seguendo piccoli progetti per i quali a livello economico il gioco non valeva assolutamente la candela che però mi hanno permesso di farmi conoscere e prendere altri lavori con i quali sono arrivati i primi risultati in termini di posizionamento e quindi anche la fiducia in me stesso, che ritengo essere uno dei fattori più importanti per avere l’innesco di iniziare a promuoversi. Non che io abbia fatto promozione in maniera conscia, anzi, gli unici video che registro in macchina li faccio solo perché non sopporto di gettare al vento un’ora del mio tempo passata nel traffico! Il problema non è quello di promuoversi ma di intercettare le persone in target rispetto al servizio che offriamo. Consiglio di usare anche i piccoli successi ottenuti sul campo e trasformarli in contenuti da divulgare online: video, podcast e tutto quanto di più pratico e immediato possa arrivare al nostro cliente tipo anziché ai colleghi addetti ai lavori, come spesso succede in questo ambito. Ripeto, bisogna verticalizzare, ovvero specializzarsi su determinati settori, in riflesso alla domanda precedente, magari seguendo le proprie attitudini o verso le nicchie sulle quali abbiamo avuto risultati migliori.

Grazie ancora per questa bella intervista, spero di vederci presto, un sincero abbraccio a tutti!

Vuoi realizzare un Progetto?

Una chiacchierata in tal senso fa bene a tutti, confrontarsi è fondamentale per decidere la strategia. 

Vuoi realizzare un Progetto?

Una chiacchierata in tal senso fa bene a tutti, confrontarsi è fondamentale per decidere la strategia. 

Mi trovo a Roma

Sono quasi sempre in giro, principalmente in zona Eur, Centro Storico o Cinecittà.. percorro la città in lungo e in largo per spostarmi tra i clienti, gli amici e alcuni colleghi con i quali mi confronto costantemente

Ti vanno due chiacchiere?

Generalmente il venerdì mattina sono più libero e lo dedico agli incontri per i nuovi progetti o alle attività non calendarizzate, se ti va possiamo vederci per un caffè o anche per una carbonara!

Intanto che aspetti...

Se mi viene in mente qualcosa che ritengo possa essere utile, registro una puntata sul mio Podcast di Spreaker... se ti va clicca sull'icona per ascoltare quello che ho da dire

Fissiamo un Appuntamento

Presa visione dell'informativa, acconsento al trattamento dei miei dati personali contenuti nel modulo di richiesta, per le finalità di gestione e risposta alle richieste da me inviate, da parte del titolare del trattamento.

Nel caso in cui non venga prestato il consenso al trattamento dei dati personali per la predetta finalità non sarà possibile proseguire con l’invio della richiesta. Il consenso eventualmente prestato in relazione alla finalità di cui sopra può essere revocato, in ogni momento, inviando una comunicazione al titolare del trattamento attraverso la sezione “Contatti” del Sito. Tale revoca determinerà l’interruzione della procedura di gestione della richiesta.

Mi trovo a Roma

Sono quasi sempre in giro, principalmente in zona Eur, Centro Storico o Cinecittà.. percorro la città in lungo e in largo per spostarmi tra i clienti, gli amici e alcuni colleghi con i quali mi confronto costantemente

Ti vanno due chiacchiere?

Generalmente il venerdì mattina sono più libero e lo dedico agli incontri per i nuovi progetti o alle attività non calendarizzate, se ti va possiamo vederci per un caffè o anche per una carbonara!

Intanto che aspetti...

Se mi viene in mente qualcosa che ritengo possa essere utile, registro una puntata sul mio Podcast di Spreaker... se ti va clicca sull'icona per ascoltare quello che ho da dire

Fissiamo un Appuntamento

Presa visione dell'informativa, acconsento al trattamento dei miei dati personali contenuti nel modulo di richiesta, per le finalità di gestione e risposta alle richieste da me inviate, da parte del titolare del trattamento.

Nel caso in cui non venga prestato il consenso al trattamento dei dati personali per la predetta finalità non sarà possibile proseguire con l’invio della richiesta. Il consenso eventualmente prestato in relazione alla finalità di cui sopra può essere revocato, in ogni momento, inviando una comunicazione al titolare del trattamento attraverso la sezione “Contatti” del Sito. Tale revoca determinerà l’interruzione della procedura di gestione della richiesta.